Quante volte vi siete pentiti di aver scattato male una foto solo dopo che l’avete vista sullo schermo del computer o stampata? Se siete come me, consci del fatto che indietro nel tempo non si può andare (oggi questo non è del tutto vero, lo vedremo nel corso in dettaglio), vi sarete arresi all’evidenza e avrete cominciato a salvare il salvabile con Photoshop o uno strumento analogo, ripromettendovi di farci attenzione la prossima volta che scattate una foto simile o in simili condizioni.

Dopo migliaia di foto troppo buie o troppo illuminate, mosse o sfocate, con colori sbagliati o storte e composte male, le cose cominciano a cambiare e a girare per il verso giusto. Se il detto sbagliando si impara è vero, allora è verissimo che perdere ore nella correzione di errori al computer vi fa imparare molto più velocemente!

Ad agire dentro di noi sono due fattori: da una parte il mantra “ora che lo so non ci casco più” vi rende più concentrati al momento dello scatto e dall’altra la correzione consapevole dei dettagli “sbagliati” vi fa capire meglio come funziona ogni caratteristica della vostra macchina fotografica. Scatto dopo scatto vi ritroverete ad avere una perfetta confidenza con la vostra fotocamera, come fosse un prolungamento del vostro braccio, o meglio dei vostri occhi.

Il mio nuovissimo corso di Photoshop comincia martedì prossimo (18 novembre 2014), correte a iscrivervi e occhio agli sconti!!

Photoshop per fotografare meglio
Sapendo quali sono gli errori più comuni, dopo ore passate a correggerne, ci fa pensare di più alle ombre e alle luci in fase di scatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *